ULTIMI AGGIORNAMENTI - DECRETI-ORDINANZE- AVVISi --Attivazione Unità Di Crisi (C.O.C.) -EMERGENZA COVID-2019

08/03/2020

AGGIORNAMENTO -AVVISI E MODULISTICA alla luce Decreto Presidente Consiglio dei Ministri ed Ordinanza del Presidente della Regione Basilicata

 

 

N.B. PER GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE VEDI A PIE PAGINA

      Anche per scaricare  MODULO AUTODICHIARAZIONE SPOSTAMENTI aggiornato al 23/03/2020

 

 

 COMUNE DI LAURENZANA
PROVINCIA DI POTENZA

                                                              IL SINDACO
AVVISA e INFORMA CHE

VISTO il DPCM del 9 marzo 2020  che estende a tutto il territorio nazionale le misure dettate dall’art. 1 del precedente DPCM dell’8 marzo 2020;
 
DA OGGI 10 MARZO 2020 E FINO AL 3 APRILE 2020, SONO VIGENTI IN TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE LE SEGUENTI MISURE DI CONTENIMENTO DEL CONTAGIO DA NUOVO CORONAVIRUS, AGENTE EZIOLOGICO DELLA COVID-19 E CHE E’ VIETATA OGNI FORMA DI ASSEMBRAMENTO DI PERSONE IN LUOGHI PUBBLICI O APERTI AL PUBBLICO

ABSTRACT:
-Limiti agli spostamenti: evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.(Utilizzare il modulo di autocertificazione disponibile negli Uff. Comunali e allegato)
-Eventi sportivi: sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati.
-Eventi in luogo pubblico: sono sospese tutte le manifestazioni organizzate, nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, a titolo d’esempio, grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati; nei predetti luoghi è sospesa ogni attività.
-Pub, scuole di ballo, discoteche e locali assimilati: sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione.
-Servizi educativi e per l’infanzia: fino al 3 aprile 2020 sono sospesi i servizi educativi per l'infanzia e le attività didattiche di ogni ordine e grado
-Luoghi di culto: l’apertura dei luoghi di culto avverrà solo previa adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone e sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri.
-Ristorazione e bar: sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle 6,00 alle 18.00, con obbligo, a carico del gestore, di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione. E' concessa la somministrazione "da asporto".
-Attività Commerciali diverse da quelle di ristorazione: sono consentite le attività commerciali diverse dalla ristorazione e bar a condizione che il gestore garantisca un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le richiamate strutture dovranno essere chiuse;
-Medie e grandi strutture di vendita: nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati. Nei giorni feriali, il gestore dei richiamati esercizi deve comunque predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
-La chiusura non è disposta per farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari, il cui gestore è chiamato a garantire comunque il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro con sanzione della sospensione dell’ attività in caso di violazione.
-Centri sportivi: sono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi.
-Manifestazioni e spettacoli: sono sospese le manifestazioni e gli spettacoli di qualsiasi natura, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato.
-Musei: sono chiusi i musei e gli altri istituti e luoghi della cultura.
-Procedure concorsuali: sono sospese le procedure concorsuali pubbliche e private ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati è effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica.
-Attività Commerciali diverse da quelle di ristorazione: è fortemente raccomandato all’aperto e al chiuso, che il gestore garantisca l’adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro.
 
SI AVVISA INOLTRE CHE BISOGNA ATTENERSI ALLE SEGUENTI PRESCRIZIONI SANITARIE
 
-SOGGETTI CON ALTERAZIONI FEBBRILI: ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,50 C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante.
-SOGGETTI IN QUARANTENA (proveniente dalle ex zone rosse o che hanno avuto contatti con contagiati): DIVIETO ASSOLUTO di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus.
 
SI AVVISA CHE CON il DPCM 9.03.2020 E’ VIETATA OGNI FORMA DI ASSEMBRAMENTO DI PERSONE IN LUOGHI PUBBLICI O APERTI AL PUBBLICO
 
SI AVVISA, infine
CHE ogni violazione dei provvedimenti adottati dalle autorità a tutela della salute pubblica  è suscettibile di responsabilità penale ai sensi dell’art. 650 codice penale. Inoltre,  la gravità del rischio epidemiologico, cui si espone la pubblica salute, potrà essere perseguita ai sensi dell’art. 438 del codice penale che sanziona chiunque diffonda una malattia infettiva e contagiosa caratterizzata da un’elevata incontrollata capacità di diffusione.
 
LE FORZE DELL’ORDINE E  LA POLIZIA LOCALE EFFETTUERANNO TUTTE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VIGILANZA PER IL RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI ESTESE A TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE DAL RICHIAMATO DPCM DEL 9.03.2020.
Laurenzana, 10 Marzo 2020

IL SINDACO
Michele Ungaro 

 

Ordinanza Ministero Salute del 20 marzo 2020 (estratto)

Ulteriori limitazioni agli spostamenti, parchi e attività ludiche

A r t . 1

(Ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale)
1. Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 sono adottàte, sull’intero territorio nazionale, le ulteriori seguenti misure:
a) è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
b) non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
c) sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consiunarsi al di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
d) nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

Art. 2

(Disposizioni finali)
1. Le disposizioni della presente ordinanza producono effetto dalla data del 21 marzo 2020 e sono efficaci fino al 25 marzo 2020.
2. Le disposizioni della presente ordinanza si applicano alle Regioni a statuto speciale e alle Province autonome di Trento e di Bolzano compatibilmente con i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione.